Sabato, 22 luglio 2017 - ORE:04:48

Tensioni in politica. Alfano accusa Renzi: vuole minare il Governo

Alfano e Renzi

Alfano accusa Renzi

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, nonostante sia in Messico, ha voluto rispondere celermente alle titubanze manifestate da Matteo Renzi che, ieri, per mezzo stampa, ha rivelato i suoi dubbi circa la fiducia che il premier Letta ha nei suoi confronti. Nel frattempo, il segretario del Pd incalza sulla legge elettorale, argomento scottante per gli scranni istituzionali.

L’imminente incontro tra Renzi e Berlusconi

Se da un lato l’esecutivo auspichi un accordo della maggioranza sul modello del sindaco d’Italia, proposto da Renzi a Novembre e subito appoggiato dal Nuovo Centro Destra di Alfano, dall’altro lo stesso Renzi si appresta a confermare la sua volontà ad ascoltare anche le opinioni delle forze di opposizione, qualora il fermo della maggioranza si protragga ulteriormente. Si parla, infatti, di accordi tra Denis Verdini, Forza Italia, ed esponenti renziani, per un imminente incontro tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi. Nodo della discussione dovrebbe essere un sistema elettorale sul target spagnolo.

L’affaire De Girolamo

Gli inconvenienti per il Governo, però, non sono terminati; a gettare ulteriore carne al fuoco è l’affaire De Girolamo. Nunzia De Girolamo, Ministro per le Politiche Agricole e molto vicina ad Angelino Alfano, risulta coinvolta, anche se non indagata, sugli appalti dell’Asl di Benevento, dopo che è stata registrata una sua conversazione assai discutibile. Si rischia, probabilmente, un suo travolgimento nell’evocato rimpasto di governo, ma, nonostante ciò, il Ministro tiene a ribadire che si presenterà alle Camere per chiarire ogni dubbio sulla questione. Lo stesso marito, Francesco Boccia, esponente del Partito Democratico, tiene una linea dura, avvertendo che non può esprimersi a riguardo, in quanto competenza della magistratura, qualora si ravvisi illeciti perseguibili.

Alfano accusa Renzi di voler minare il Governo

Angelino Alfano, che difende a spada tratta la competenza e la bravura dell’amica, nonché collega di partito, Nunzia De Girolamo, dichiara, negli studi di Che Tempo che fa, di essere sconcertato di fronte a un’intercettazione, oramai pubblica, non autorizzata dalla magistratura, ma semplice registrazione che viola un diritto costituzionale, la riservatezza del cittadino. Espressa la sua posizione difensiva sull’affaire del Ministro De Girolamo, attacca Renzi, accusandolo di voler minare la maggioranza e, di conseguenza, il Governo.

Le proposte renziane sul lavoro -dichiara Alfano- sono solo un ritorno al passato, non basta l’inglese (critica la nomenclatura renziana del job act, ovvero piano lavoro) per aprirsi al nuovo. Noi proponiamo uno snellimento della burocrazia e dell’amministrazione improduttiva; i ricavi, frutto dell’azione, andranno a beneficio delle imprese e dei lavoratori“.

Il vice Presidente del Consiglio, nonché Ministro dell’Interno, afferma la sua volontà a cambiare la fisionomia dello Stato “Ci troviamo di fronte a un paradosso: uno Stato che non si fida del cittadino e un cittadino che non si fida dello Stato. Che fare allora? Lo Stato faccia il primo passo e dimostri la sua fiducia“.

La questione delle unioni omosessuali

Sulle questioni etiche non si fermano i distinguo dall’uno e dall’altra parte. Se il Pd marcia per un riconoscimento delle unioni di fatto, incluse le unioni omosessuali, si segnala l’alt delle altre forze di maggioranza, tra cui Scelta Civica che, al contempo, rivendica un maggiore peso nell’esecutivo in termini di rappresentanza. La settimana è appena iniziata, ma la frenesia politica è assai elevata.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 42 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.