Lunedi, 26 giugno 2017 - ORE:20:57

Elezioni Roma, le piazze piene sono solo ricordi sbiaditi

Elezioni Roma

Elezioni Roma

Elezioni Roma: si concludono le rispettive campagne elettorali

Nei luoghi simbolo di Roma ciascun movimento ha concluso la serata di campagna elettorale per le elezioni amministrative con un rammarico comune: le piazze eccessivamente vuote.

Da una parte abbiamo il PDL con Silvio Berlusconi che affianca Alemanno al Colosseo, dall’altra il candidato Pd Marino a piazza San Giovannni con Epifani e Zingaretti. Ed infine per il Movimento 5 Stelle il candidato a sindaco De Vito con  Grillo al suo fianco in piazza del Popolo. Una piazza che molti definirebbero come “la più affollata”. Ma non dimentichiamo che 3 mesi fa i numeri erano diversi, non si parlava di soltanto 10mila persone come picco massimo durante i comizi finali.

Alemanno al Colosseo

Messe a tacere una volta per tutte le polemiche e gli screzi con la Soprintendenza, Gianni Alemanno ha chiuso la sua campagna elettorale come candidato a sindaco sopra palco allestito vicino all’Arco di Costantino. Il tutto in compagnia di Silvio Berlusconi definito “sotto tono”. Il Cavaliere si è limitato a leggere un testo, le cui righe parlavano di “fedeltà al Governo Letta” e di una necessità impellente di riforme per cambiare in positivo l’architettura dello stato.

De Vito e Grillo a piazza del Popolo, 10mila persone

Sempre di numeri parliamo. Sebbene i sostenitori del Movimento 5 Stelle abbiano dichiarato 50 mila sostenitori in realtà i numeri adesso sono ben diversi: si parla di 10mila sostenitori, sicuramente la piazza più piena di tutti comizi ma niente di così trascendentale in fin dei conti. Al comizio del candidato sindaco De Vito affiancato da Beppe Grillo intorno alle 21:30 in mezzo a Piazza del Popolo, si è parlato soprattutto di polemiche politiche:

«Dicono che siamo al 15 per cento, ma se è così perchè Finocchiaro fa una legge contro di noi?».

E poi una battuta finale rivolta al leader del PDL:

«Attento, perchè alla fine ne rimarrà uno solo, per ora ci siamo noi, il ‘capocomico‘ e il ‘nano».

A cosa pare dovuto questo calo di audience?

Le motivazioni vanno sicuramente ricercate nelle ultime vicende politiche e nel nuovo Governo Letta, visto da molti come un’ altra ennesima punizione dopo il Governo tecnico di Mario Monti. Infatti, se ci pensate bene, come mai gli italiani dovrebbero essere invogliati e stimolati ad interessarsi di politica, se la politica decide di non prendere in considerazione il volere di una decisione popolare? Cosa significa mettere al potere una figura non voluta dal popolo, frutto di un mero da accordo tra le stesse identiche parti politiche che ormai si fanno guerra da 30 anni? Credo che non occorrano ulteriori spiegazioni, mi pare chiaro perchè la politica di oggi stia scemando pian pianino.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 6 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.