Lunedi, 25 settembre 2017 - ORE:08:05

Monti come la Thatcher per il “Wall Street Journal”


New York– Monti una lady di ferro. È così che il Wall Street Journal elogia il capo del governo dopo la neo-riforma del lavoro. Un professore che mette d’accordo tutti, all’estero s’intende, e che arriva lontano, perfino negli Stati Uniti, dopo l’ammirazione che anche Obama gli ha riservato. Così il famoso giornale afferma: “Il premier italiano ha una rara opportunità di educare gli italiani sulle riforme economiche, se ne è andato dai negoziati con i sindacati e ha annunciato che procederà alla riforma delle famigerate leggi sul lavoro, con o senza il consenso delle organizzazioni sindacali.”

Secondo gli americani, Monti ha cercato di sostituire il “posto fisso a vita” con un ampio sistema di indennizzi garantiti quando i lavoratori si ritrovano licenziati per “motivi economici”. Qualcosa che però ai sindacati italiani e al Pd non piace per niente. Continua infatti il WSJ:“ La riforma di Monti ha provocato la chiamata a uno sciopero generale da parte della Cgil, il più grande sindacato italiano”. Il professore piace soprattutto perché a differenza di altri politici italiani non pensa ad un futuro in politica,al termine del suo mandato di emergenza.

Anche Barack Obama ha mostrato il suo apprezzamento per l’azione intrapresa e i progressi del governo Monti, riconoscendo al Premier italiano un ruolo molto importante per i conti pubblici i rosso in Italia . Grazie all’avvio dei lavori della Conferenza sulla sicurezza nucleare che si è tenuta in questi giorni a Seul,il Presidente degli Stati Uniti ha potuto mostrare,durante un breve colloquio ,tutto il suo appoggio al Professore. Il prossimo appuntamento è in programma a Camp David visto che il prossimo summit G8 si terrà il 18-19 maggio, nella residenza nel Maryland della Casa Bianca, e sarà un’altra occasione per rinnovare l’impegno che si sono promessi i due Capi di governo.

Un appoggio che viene non solo dagli Stati Uniti ma anche dall’altra parte del mondo: dalla Cina. Ju Jintao infatti, come presidente della Repubblica Popolare Cinese, ha affermato che incoraggerà gli investimenti sia pubblici che privati in Italia tramite la business community. Quindi anche Hu ha espresso un «grande apprezzamento» per le misure prese dall’Italia e un grande compiacimento per l’aumento costante dell’interscambio commerciale tra le due nazioni.

Dunque che dire? A Monti manca soltanto il Premio Nobel per l’Economia e poi il successo sarà mondiale in tutti i sensi.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 42 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.