Venerdi, 26 maggio 2017 - ORE:18:42

Napolitano pensa alle imprese


napolitano

Occorre sbloccare questa situazione critica

La questione è arrivata in Quirinale. Ieri il presidente della Confindustria Giorgio Squinzi ha avuto un colloquio con il presidente Napolitano sulla difficile situazione delle imprese strette tra la difficoltà di accedere al credito e i ritardi dei pagamenti della pubblica amministrazione. L’assenza di un quadro politico chiaro ha portato in secondo piano le priorità economiche anche se le aste dei titoli di Stato, il taglio del rating di Fitch e il rialzo dello spread stanno a indicare che gli investitori non aspettano i tempi della politica.

A fare le spese dell’impasse istituzionale sono le imprese e le famiglie. E ieri Squinzi ha riproposto al Capo dello Stato lo scenario drammatico in cui opera il mondo imprenditoriale. Ha espresso le «profonde preoccupazioni per il rischio di un’ulteriore acutizzazione, a breve termine, in assenza di tempestivi concreti interventi, della crisi delle attività produttive e dell’occupazione».

Napolitano ha «condiviso pienamente tali preoccupazioni e l’esigenza di porre i problemi dell’economia reale al centro dell’attenzione delle istituzioni rappresentative e di governo e delle forze politiche chiamate in questa fase ad assumerne la responsabilità». Il Capo dello Stato ha detto che è indispensabile «sollevare le imprese da una pesante condizione anche sul piano delle disponibilità finanziarie». In particolare sono «urgenti misure come quelle volte a rendere possibile lo sblocco dei pagamenti dovuti dalle Pubbliche amministrazioni ad una vasta platea di aziende».

«Stavolta non ci fermiamo, andiamo avanti fino in fondo» ha detto il presidente dell’Anci, Graziano Delrio. «I comuni hanno chiesto al governo di sbloccare 8-9 miliardi di euro per i pagamenti delle imprese creditrici della pubblica amministrazione e sono pronti a sforare il Patto di stabilità se non otterranno almeno questa apertura. La situazione è insostenibile».



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 20 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.