Lunedi, 21 agosto 2017 - ORE:16:08

Il caso Mineo scuote il Pd

caso mineo

caso mineo

La sostituzione del senatore democratico Corradino Mineo nella commissione affari costituzionali getta nel caos il Partito Democratico. Sono già 14 i senatori del Pd che si sono autosospesi.

La vicenda Mineo

Da tempo Corradino Mineo, appartenente all’area civatiana del Partito Democratico, ovvero alla così detta minoranza, aveva espresso titubanze circa l’impalcatura dell’Italicum e della riforma del Senato, così come usciti dal noto patto del Nazareno, il piano delle riforme concordato daSilvio Berlusconi e da Matteo Renzi nella sede democratica della Capitale. Il voto di Mineo era assai decisivo e visto l’empasse, l’ufficio di Presidenza del Partito Democratico ha provveduto a sostituire il senatore. Da segnalare che già Vannino Chiti, colui che aveva presentato la proposta di riforma del Senato elettivo, che trovava concorde lo stesso Mineo e il M5S, era stato sostituito, dandogli la presidenza di una commissione permanente. Immediate le reazioni all’interno del gruppo tanto che ben 14 senatori del Pd si sono autosospesi subito dopo la sostituzione. I numeri al Senato, a conti fatti, sono assai traballanti.

Le reazioni al caso Mineo

Matteo Renzi, nel suo tour orientale, ha risposto prontamente alle accuse rivoltegli, tra cui quella di vera epurazione che ricorda, secondo Pippo Civati, il noto editto bulgaro con cui Berlusconi ottenne l’allontanamento dalla Rai di Biagi, Luttazzi e Santoro. Il Presidente del Consiglio ha affermato: “Non lascio l’Italia a Mineo“. Il Senatore siciliano ha dichiarato che la manovra, in un sistema costituzionale come quello italiano, è assurda e ribadisce: “Non sono contrario a una riforma del Senato, voglio solo migliorarla“. Immediato il contraccolpo renziano: “Conta di più il voto degli italiani che i veti di Mineo“.

A giorni il Partito Democratico dovrà tirare le somme della vicenda; Renzi, però, si presenterà con il 40.8% di preferenze degli italiani che hanno sancito la vittoria europea del Pd nell’ultima tornata elettorale. Nel frattempo il Ministro delle riforme Boschi assicura tutti sulla tabella di marcia delle riforme istituzionali.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 33 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.