Venerdi, 15 dicembre 2017 - ORE:09:05

Il governo di Renzi che s’ha da fare

governo renzi

governo renzi

Il dubbio sulla maggioranza: il governo di Renzi in fase di costruzione

Un ritiro forzato quello di Matteo Renzi, impegnato, in queste ore, a delineare la sua nuova squadra di governo. Ieri sera il Presidente del Consiglio incaricato, recatosi al Quirinale, ha rendicontato  per quasi due ore al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, l’esito delle consultazioni, manifestando al contempo alcune lievi criticità per la casella dell’Economia.

Smartwatch free

La questione della maggioranza sembra oramai risolta, visto che il Governo Renzi dovrebbe avere l’appoggio delle medesime forze del precedente governo: quello presieduto da Enrico Letta. Qualche dubbio ancora dall’ala alfaniana; il Nuovo Centro Destra, infatti, ha visto ridimensionato il proprio ruolo, non in riferimento alle caselle ministeriali, visto che la Vicepresidenza del Consiglio, il Ministero dei Trasporti e della Salute sembrerebbero riconfermati, ma sulla capacità d’incidere nell’azione governativa, visto che lo stile renziano sembra allontanarsi da qualsiasi tendenza democristiana, volta a continui compromessi.

Altro boccone amaro per il Ncd è  l’appoggio responsabile di Forza Italia che, per bocca di Silvio Berlusconi, ha confermato il suo collocamento all’opposizione, assicurando, però, il sostegno, qualora le proposte convincano gli azzurri; l’incontro tra Renzi e la delegazione forzista è durata più del previsto. Si delinea una maggioranza formale con l’appoggio governativo del Ncd e una maggioranza da “dietro le quinte” con Forza Italia, ma ovviamente sono voci di palazzo e come tali occorre considerarle. Il dubbio, però, porta Alfano a chiedere il rinvio dell’italicum a data da destinarsi, ma sicuramente dopo le riforme costituzionali necessarie, assicurandosi così un altro anno di legislatura; la posizione di FI è totalmente diversa, accanto alle riforme vorrebbe l’approvazione della legge elettorale senza ulteriori modifiche.

Le critiche a Grillo dopo l’incontro con Renzi

Non sono mancate, invece, le critiche a Beppe Grillo, visto che, secondo voci autorevoli, tra cui anche quelle di alcuni senatori grillini come Lorenzo Battista e Francesco Campanella, criticati nel blog grillino per la loro posizione differente,  è stata un’occasione perduta. Si è proceduto dunque con una consultazione online, e nonostante lo scarto fra chi fosse favorevole all’incontro e chi no è di qualche centinaio di voti, sembra che sia stata imboccata una strada contro chi riteneva che dall’incontro si sarebbe potuto agire nell’interesse di tutti.

Fibrillazioni per la casella dell’Economia

Dubbi sulla figura che presiederà il Ministero dell’Economia. Il dibattito sembra percorrere due strade: il posto deve andare ad un profilo politico o ad un tecnico? Molti i nomi che sono circolati in questi ultimi giorni, tra cui quello di Romano Prodi e lo stesso Letta, ma entrambi, interpellati a riguardo, hanno declinato l’invito; nel frattempo, sulla questione, Renzi ha incontrato Ignazio Visco, punta di diamante della Banca d’Italia. I nomi continuano a circolare, ma come sempre il toto-ministri assume i caratteri propri  di una scommessa sportiva, occorre aspettare la giornata di Sabato, quando Renzi scioglierà la riserva e presenterà la sua squadra.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 11 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.