Venerdi, 22 settembre 2017 - ORE:04:51

Ci lascia Giulio Andreotti, aveva 94 anni


Giulio Andreotti

La notizia è arrivata attorno alle 13 di lunedì 6 maggio 2013, Giulio Andreotti è deceduto nella sua residenza romana, aveva 94 anni e già da un anno la sua salute era in stato precario- era stato ricoverato il 3 maggio dell’anno scorso al Policlinico Gemelli di Roma per una crisi respiratoria-.

La carriera politica

Andreotti nacque a Roma il 14 Gennaio del 1919, è stato uno degli uomini più importati della Democrazia Cristiana, è stato Presidente del Consiglio per 7 volte, senatore a vita, ha ricoperto numerosi incarichi di governo: 8 volte ministro della Difesa, 5 volte ministro degli Esteri, 3 volte ministro delle Partecipazioni statali, 2 volte ministro delle Finanze, ministro del Bilancio e ministro dell’Industria, una volta ministro del Tesoro, ministro dell’Interno (il più giovane della storia repubblicana), ministro dei Beni culturali e ministro delle Politiche comunitarie. E’ stato il  il capo di governo più longevo in tutta la storia unitaria dell’Italia.

I legami con Cosa Nostra e gli scandali

Nonostante una fulgida carriera politica, Andreotti si porta con sè tanti segreti della politica italiana, di sicuro i meno onorevoli. Un personaggio illustre con però tante ombre, a partire dai presunti legami con la mafia e Cosa Nostra. Sottoposto a giudizio per associazione a delinquere, ma fu assolto nel ’99  perché il fatto non sussisteva, la sentenza stabilì infatti che Andreotti avesse «commesso il reato di partecipazione all’associazione per delinquere con Cosa Nostra e che fosse concretamente ravvisabile fino alla primavera 1980», reato però «estinto per prescrizione». Un pezzo oscuro della storia italiana se ne va con Andreotti: fu coinvolto per esempio nello scandalo Sindona e nell’omicidio del giornalista Pecorelli (confermato anche dal pentito Buscetta).

Il regista Sorrentino nel 2008 ha realizzato un film attorno alla figura di Giulio Andreotti ”Il Divo”, dal quale emergeva la figura del politico come responsabile o complice di mille nefandezze.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 9 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.