Venerdi, 24 novembre 2017 - ORE:14:11

Bersani e Berslusconi tentano l’intesa, ma in nome di cosa?


Berlusconi

Smartwatch free

Pier Luigi Bersani e Silvio Berlusconi mettono da parte ambizioni e sospetti reciproci. A parlare di nomi si scenderà solo nei prossimi giorni e, a quanto si apprende, potrebbero esserci un altro paio di incontri tra i big, sicuramente uno a ridosso del 18 aprile se la trattativa andrà per il meglio. Ma sembra chiaro che, se intesa ci sara’, il punto di caduta sara’ con molta probabilità, anche se nessuno fa nomi, un politico, come Giuliano Amato, Franco Marini, Massimo D’Alema o Emma Bonino, più che personalità più istituzionali anche se il presidente del Censis Giuseppe di Rita sarebbe molto quotato.

Insomma si sarebbe deciso di individuare insieme il candidato migliore in una rosa di personalita’ dal profilo politico capace di gestire lo stallo istituzionale. Dopo settimane di mediazioni tra i pontieri, il Cavaliere e il leader Pd hanno deciso di andare a vedere di persona le carte dell’avversario.

Le premesse dell’incontro, tenuto in un ufficio off limit alla Camera e confermato alla stampa solo al termine, non lasciavano presagire nulla di positivo: il Cavaliere, fino a stamattina, andava dicendo ai suoi di non fidarsi di Bersani e che, nel caso in cui il Pd avesse tirato dritto su una personalita’ di parte come Romano Prodi, l’unica strada sarebbe stata il ritorno alle urne indicando anche nel 7 luglio una data possibile. Dal canto suo, Bersani aveva appena ribadito all’assemblea del gruppo Pd che non c’e’ alcuno spazio per governissimi e che sul Colle i dem non avrebbero accettato ”ricatti o scambi”.

Sembra che la distanza sia ancora notevole

Ma, pur se le distanze restano, l’incontro, ”tranquillo” anche nei toni, sostengono sia nel Pd sia nel Pdl, sembra aver convinto i due leader a ”tentarle tutte”, come dicono Enrico Letta e con parole simili Angelino Alfano, entrambi presenti alla riunione, per trovare un nome condiviso per il Quirinale. Ad aiutare il confronto sembra sia stata la premessa, condivisa da tutti, di separare la partita del Quirinale da quella del governo, intreccio che solo due settimane fa aveva fatto fallire la prima trattativa tra Pd e Pdl.

Occorre gente d’esperienza

Per il Quirinale Bersani avrebbe rivendicato il dovere della prima proposta assicurando pero’ che non si cerchera’ uno o piu’ nomi di parte ma bensi’ capaci di ”unire” quante piu’ forze politiche. Sia il leader Pd sia l’ex premier si sono ben guardati dal fare nomi ”anche per evitare – spiegano fonti parlamentari – di bruciarseli a vicenda”.

Ma l’identikit delineato e’ quello di un politico, con un’esperienza navigata nelle istituzioni ma anche un dimostrato equilibrio. ”Dobbiamo anche tenere in considerazione la parita’ di genere”, avrebbe buttato la’ Bersani, non escludendo una candidata donna nella rosa.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 59 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.